13-31 Dicembre 1992

io  e DIO   

Domenica 13 Dicembre 1992

Culto Domenicale Chiesa Cristiana Evangelica

di Forlì (via Miller)

Messaggio della Parola di Ivan Trianni su “Gesù unico mediatore col Padre”

1Timoteo 2:3-7

3 Questo è buono e gradito davanti a Dio, nostro Salvatore, 4 il quale vuole che tutti gli uomini siano salvati e vengano alla conoscenza della verità. 5 Infatti c’è un solo Dio e anche un solo mediatore fra Dio e gli uomini, Cristo Gesù uomo, 6 che ha dato sé stesso come prezzo di riscatto per tutti; questa è la testimonianza resa a suo tempo, 7 e della quale io fui costituito predicatore e apostolo (io dico il vero, non mento), per istruire gli stranieri nella fede e nella verità.

Ebrei 4:15

Infatti non abbiamo un sommo sacerdote che non possa simpatizzare con noi nelle nostre debolezze, poiché egli è stato tentato come noi in ogni cosa, senza commettere peccato.

Giovanni 1:18

Nessuno ha mai visto Dio; l’unigenito Dio, che è nel seno del Padre, è quello che l’ha fatto conoscere.

Giovanni 1:29

 

Mt 3:13-17; Gv 3:28-36
Il giorno seguente, Giovanni vide Gesù che veniva verso di lui e disse: «Ecco l’Agnello di Dio, che toglie il peccato del mondo!

Marco 10:45

Poiché anche il Figlio dell’uomo non è venuto per essere servito, ma per servire, e per dare la sua vita come prezzo di riscatto per molti».

Romani 8:34

Chi li condannerà? Cristo Gesù è colui che è morto e, ancor più, è risuscitato, è alla destra di Dio e anche intercede per noi.

Matteo 28:18

E Gesù, avvicinatosi, parlò loro, dicendo: «Ogni potere mi è stato dato in cielo e sulla terra.

Gesù mio oggi ti prego per la Tina che va in ospedale,perchè tu la sani di ciò che ha e che non abbia nessuna malattia inguaribile;ti prego aiutala in tutto perchè ciò che farai a lei sarà come lo facessi a me.Grazie di tutto con profonda fede che farai ciò che è giusto

-tuo Roberto-

Lunedì 14 Dicembre 1992

Signore mio ti prego,anzi ti supplico fa’ che questa proposta di lavoro vada a buon fine, dato che mi sembra il lavoro più giusto per me,aiutami anche perchè gli esami che faccio domani vadano bene e che quindi con una parte di me posso contribuire a salvare almeno una persona;grazie di tutto Gesù mio

-tuo Roberto

  

  

Tito 2:11-15

Manifestazione della grazia di Dio
1P 1:10-21 (Ro 12:1-2; 1Co 6:20; 1Gv 3:1-3)
11 Infatti la grazia di Dio, salvifica per tutti gli uomini, si è manifestata, 12 e ci insegna a rinunziare all’empietà e alle passioni mondane, per vivere in questo mondo moderatamente, giustamente e in modo santo, 13 aspettando la beata speranza e l’apparizione della gloria del nostro grande Dio e Salvatore, Cristo Gesù. 14 Egli ha dato sé stesso per noi per riscattarci da ogni iniquità e purificarsi un popolo che gli appartenga, zelante nelle opere buone.
15 Parla di queste cose, esorta e riprendi con piena autorità. Nessuno ti disprezzi.

Mercoledì 16 Dicembre 1992

Signore mio adesso ti prego per la salute di Tina che è lontana in ospedale affinchè i malanni che ha siano rimediabili, che agli esami clinici non risulti niente di inguaribile e che così possa dare in tranquillità un rene al fratello per salvargli la vita (a questo proposito fa’ che il mio sangue sia compatibile con qualcuno malato grave e possa salvargli la vita con il mio midollo osseo)e falla tornare presto a me non solo fisicamente ma anche spiritualmente e affettivamente;perchè il mio grande amore che provo per lei possa manifestarlo e venire ricambiato dato che ho l’estrema necessità di dare e di ricevere calore umano,per favorire questo ti prego perchè al più presto trovi il lavoro giusto affinchè possa alleviargli la fatica e lo stress.Gesù mio so che oggi ti chiedo molto ma io non voglio nè ricchezza nè potere ma solo amore,tanto amore e che di giorno in giorno la fede in te sia sempre maggiore.Grazie

-tuo Roberto-

Luca 10:1-12

La missione dei settanta discepoli
Mt 10; 28:18-20; Mr 16:15-16
1 Dopo queste cose, il Signore designò altri settanta discepoli e li mandò a due a due davanti a sé in ogni città e luogo dov’egli stesso stava per andare. 2 E diceva loro: «La mèsse è grande, ma gli operai sono pochi; pregate dunque il Signore della mèsse perché spinga degli operai nella sua mèsse. 3 Andate; ecco, io vi mando come agnelli in mezzo ai lupi. 4 Non portate né borsa, né sacca, né calzari, e non salutate nessuno per via. 5 In qualunque casa entriate, dite prima: “Pace a questa casa!” 6 Se vi è lì un figlio di pace, la vostra pace riposerà su di lui; se no, ritornerà a voi. 7 Rimanete in quella stessa casa, mangiando e bevendo di quello che hanno, perché l’operaio è degno del suo salario. Non passate di casa in casa. 8 In qualunque città entriate, se vi ricevono, mangiate ciò che vi sarà messo davanti, 9 guarite i malati che ci saranno e dite loro: “Il regno di Dio si è avvicinato a voi”. 10 Ma in qualunque città entriate, se non vi ricevono, uscite sulle piazze e dite: 11 “Perfino la polvere della vostra città che si è attaccata ai nostri piedi, noi la scotiamo contro di voi; sappiate tuttavia questo, che il regno di Dio si è avvicinato a voi”. 12 Io vi dico che in quel giorno la sorte di Sodoma sarà più tollerabile della sorte di quella città.

Giovedì 17 Dicembre 1992

Romani 15:1-7

Compiacere al prossimo
Ro 14:13-23; Fl 2:1-5
1 Or noi, che siamo forti, dobbiamo sopportare le debolezze dei deboli e non compiacere a noi stessi. 2 Ciascuno di noi compiaccia al prossimo, nel bene, a scopo di edificazione. 3 Infatti anche Cristo non compiacque a sé stesso; ma come è scritto:
«Gli insulti di quelli che ti oltraggiano sono caduti sopra di me».
4 Poiché tutto ciò che fu scritto nel passato, fu scritto per nostra istruzione, affinché mediante la pazienza e la consolazione che ci provengono dalle Scritture, conserviamo la speranza.
5 Il Dio della pazienza e della consolazione vi conceda di aver tra di voi un medesimo sentimento secondo Cristo Gesù, 6 affinché di un solo animo e d’una stessa bocca glorifichiate Dio, il Padre del nostro Signore Gesù Cristo. 7 Perciò accoglietevi gli uni gli altri, come anche Cristo vi ha accolti per la gloria di Dio.

Signore mio tu sai quel che voglio ora per me e per Tina,per questo oggi ti prego ancora una volta per tutte le persone che amo che  vorrei ti accettino nella loro vita come personale Salvatore e godino la vita eterna nella fede in te Dio mio,ti ha pregato nel nome di tuo figlio Cristo Gesù

-il tuo Roberto-

Venerdì 18 Dicembre 1992

Signore mio oggi ti prego per una cosa sola la salute fisica e psichica di Tina,non solo ti prego ma ti supplico togli qualcosa a me  ma sani i mali fisici e spirituali del mio grande amore terreno; so che ella ha un grave malanno ma dacci una grande fede a tutte e due perchè questo ci servirà molto a combattere le avversità e vincerle nel nome tuo Gesù mio, tu conosci la sofferenza quindi sono convinto che il tuo aiuto non mancherà;grazie anticipato

-Tuo Roberto-

Salmo 41

Preghiera di un malato tradito dall’amico
(Mt 5:7; Sl 112) Sl 55
1 Al direttore del coro.
Salmo di Davide
.
Beato chi ha cura del povero!
Nel giorno della sventura il SIGNORE lo libererà.
2 Il SIGNORE lo proteggerà e lo manterrà in vita;
egli sarà felice sulla terra,
e tu non lo darai in balìa dei suoi nemici.
3 Il SIGNORE lo sosterrà quando sarà a letto, ammalato;
tu lo consolerai nella sua malattia.
4 Io ho detto: «O SIGNORE, abbi pietà di me;
guarisci l’anima mia, perché ho peccato contro di te».
5 I miei nemici mi augurano del male, dicendo:
«Quando morrà? E quando sarà dimenticato il suo nome?»
6 E se uno di loro viene a vedermi,
dice menzogne;
il suo cuore accumula malvagità dentro di sé;
e, appena uscito, sparla.
7 Tutti quelli che m’odiano bisbigliano tra loro contro di me;
contro di me tramano il male.
8 «È stato colpito», essi dicono,
«da un male incurabile;
e, ora che è steso su un letto, non si rialzerà mai più».
9 Anche l’amico con il quale vivevo in pace,
in cui avevo fiducia, e che mangiava il mio pane,
si è schierato contro di me.
10 Ma tu, o SIGNORE, abbi pietà di me e rialzami,
e io renderò loro quel che si meritano.
11 Così saprò che tu mi gradisci:
se il mio nemico non trionferà di me.
12 Tu mi sosterrai nella mia integrità
e mi accoglierai alla tua presenza per sempre.
13 Sia benedetto il SIGNORE, il Dio d’Israele, ora e sempre. Amen!
Amen!

(questo salmo Signore mio lo uso per accompagnare la preghiera a sostegno della Tina nella sua malattia perchè sia vincitrice su ogni male)

Sabato 19 Dicembre 1992

2Tessalonicesi 3:1-6

(Cl 4:3-4; Ro 15:30-32) 1Co 1:8-9; Gm 5:7-8
1 Per il resto, fratelli, pregate per noi perché la parola del Signore si spanda e sia glorificata come lo è tra di voi, 2 e perché noi siamo liberati dagli uomini molesti e malvagi, poiché non tutti hanno la fede. 3 Ma il Signore è fedele ed egli vi renderà saldi e vi guarderà dal maligno. 4 A vostro riguardo abbiamo questa fiducia nel Signore, che fate e farete le cose che vi ordiniamo. 5 Il Signore diriga i vostri cuori all’amore di Dio e alla paziente attesa di Cristo.

1Te 2:9-10; 4:1, 11-12
6 Fratelli, vi ordiniamo nel nome del nostro Signore Gesù Cristo che vi ritiriate da ogni fratello che si comporta disordinatamente e non secondo l’insegnamento che avete ricevuto da noi.

2Tessalonicesi 3:11-15

11 Difatti sentiamo che alcuni tra di voi si comportano disordinatamente, non lavorando affatto, ma affaccendandosi in cose futili. 12 Ordiniamo a quei tali e li esortiamo, nel Signore Gesù Cristo, a mangiare il proprio pane, lavorando tranquillamente.
13 Quanto a voi, fratelli, non vi stancate di fare il bene. 14 E se qualcuno non ubbidisce a ciò che diciamo in questa lettera, notatelo, e non abbiate relazione con lui, affinché si vergogni. 15 Però non consideratelo un nemico, ma ammonitelo come un fratello.



Oggi Signore mio affido a te le nostre vite affinchè tu trovi il modo di salvarci dalle tentazioni di questo mondo e farci vincere tutte le battaglie che questa vita terrena ci offre tutti i giorni, al fine di non uscire mai dalla via stretta che porta alla vita eterna rendendo gloria a te mio Salvatore meraviglioso Cristo Gesù

-tuo Roberto-

Domenica 20 Dicembre 1992

Culto chiesa Evangelica di Forlì con messaggio della parola di Jim Haglund su “La Gloria e la Pietà in Cristo”

1Timoteo 3:16

Senza dubbio, grande è il mistero della pietà: Colui che è stato manifestato in carne, è stato giustificato nello Spirito, è apparso agli angeli, è stato predicato fra le nazioni, è stato creduto nel mondo, è stato elevato in gloria.

2Corinzi 8:9

Infatti voi conoscete la grazia del nostro Signore Gesù Cristo il quale, essendo ricco, si è fatto povero per voi, affinché, mediante la sua povertà, voi poteste diventar ricchi.

Giovanni 1:9-13

9 La vera luce che illumina ogni uomo stava venendo nel mondo. 10 Egli era nel mondo, e il mondo fu fatto per mezzo di lui, ma il mondo non l’ha conosciuto. 11 È venuto in casa sua e i suoi non l’hanno ricevuto; 12 ma a tutti quelli che l’hanno ricevuto egli ha dato il diritto di diventar figli di Dio: a quelli, cioè, che credono nel suo nome; 13 i quali non sono nati da sangue, né da volontà di carne, né da volontà d’uomo, ma sono nati da Dio.

Matteo 28:19-20

19 Andate dunque e fate miei discepoli tutti i popoli battezzandoli nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo, 20 insegnando loro a osservare tutte quante le cose che vi ho comandate. Ed ecco, io sono con voi tutti i giorni, sino alla fine dell’età presente».

Atti 1:9-11

9 Dette queste cose, mentre essi guardavano, fu elevato; e una nuvola, accogliendolo, lo sottrasse ai loro sguardi. 10 E come essi avevano gli occhi fissi al cielo, mentre egli se ne andava, due uomini in vesti bianche si presentarono a loro e dissero: 11 «Uomini di Galilea, perché state a guardare verso il cielo? Questo Gesù, che vi è stato tolto, ed è stato elevato in cielo, ritornerà nella medesima maniera in cui lo avete visto andare in cielo».


Gesù oggi ti prego per tutte le persone che hanno dei problemi di salute e personali che sono stati nominati nel culto di oggi nella preghiera comune per la loro salvezza e guarigione,Signore mio sono certo che tu ci ascolti e risponderai.

-tuo Roberto-

Lunedì 21 Dicembre 1992

Luca 14:1-6

Gesù guarisce un idropico
Lu 6:6-11; 13:10-17; Mt 12:9-13
1 Gesù entrò di sabato in casa di uno dei principali farisei per prendere cibo, ed essi lo stavano osservando, 2 quando si presentò davanti a lui un idropico. 3 Gesù prese a dire ai dottori della legge e ai farisei: «È lecito o no far guarigioni in giorno di sabato?» Ma essi tacquero. 4 Allora egli lo prese per mano, lo guarì e lo congedò. 5 Poi disse loro: «Chi di voi, se gli cade nel pozzo un figlio o un bue, non lo tira subito fuori in giorno di sabato?» 6 Ed essi non potevano risponder nulla in contrario.


Signore mio ti prego oggi per la mia famiglia affinchè ritorni la pace,la salute,il lavoro,l’armonia,l’amore fra tutti e la Fede in te Gesù mio

-tuo Roberto-

Martedì 22 Dicembre 1992

Salmo 12

Le menzogne
Sl 14; 120; Fl 2:15
1 Al direttore del coro. Su ottava. Salmo di Davide.
Salva, o SIGNORE, poiché non ci sono più giusti,
e i fedeli vengono a mancare tra i figli degli uomini.
2 Ciascuno mente parlando con il prossimo;
parla con labbro adulatore e con cuore doppio.
3 Il SIGNORE recida tutte le labbra adulatrici,
la lingua che parla con arroganza,
4 di quelli che dicono: «Con le nostre lingue prevarremo;
le nostre labbra sono per noi;
chi potrebbe dominarci?»
5 Per l’oppressione dei miseri,
per il grido d’angoscia dei bisognosi,
“ora mi ergerò”, dice il SIGNORE,
“e darò la salvezza a chi la brama”.
6 Le parole del SIGNORE son parole pure,
sono argento raffinato in un crogiuolo di terra,
purificato sette volte.
7 Tu, SIGNORE, li proteggerai,
li preserverai da questa gente per sempre.
8 Gli empi vanno in giro dappertutto
quando la bassezza regna sui figli degli uomini.


Signore dammi l’opportunità con un giusto lavoro di potere essere anche di aiuto al prossimo,nessuno escluso perchè come insegni tu aspiro più al dare che al ricevere. Grazie mio Gesù dal

-tuo Roberto-

Mercoledì 23 Dicembre 1992

Giuda 20-25

 

Esortazioni ai cristiani
(2P 3:17-18; Cl 2:6-7; 2Te 3:3, 5) Gm 5:19-20
20 Ma voi, carissimi, edificando voi stessi nella vostra santissima fede, pregando mediante lo Spirito Santo, 21 conservatevi nell’amore di Dio, aspettando la misericordia del nostro Signore Gesù Cristo, a vita eterna. 22 Abbiate pietà di quelli che sono nel dubbio; 23 salvateli, strappandoli dal fuoco; e degli altri abbiate pietà mista a timore, odiando perfino la veste contaminata dalla carne.
24 A colui che può preservarvi da ogni caduta e farvi comparire irreprensibili e con gioia davanti alla sua gloria, 25 al Dio unico, nostro Salvatore per mezzo di Gesù Cristo nostro Signore, siano gloria, maestà, forza e potere prima di tutti i tempi, ora e per tutti i secoli. Amen.



Signore perchè mi devi lasciare sempre isolato ? Ti prego ancora una volta perchè la mia famiglia sia più unita e più vicina a te e a me,perchè non ce la faccio più ad essere solo nelle difficoltà e nel tempo libero.Aiutami Gesù mio specialmente ora per il giorno in cui si ricorda la tua incarnazione (il Natale),grazie

-tuo Roberto-

Giovedì 24 Dicembre 1992

Matteo 1:20-23

20 Ma mentre aveva queste cose nell’animo, un angelo del Signore gli apparve in sogno, dicendo: «Giuseppe, figlio di Davide, non temere di prendere con te Maria, tua moglie; perché ciò che in lei è generato, viene dallo Spirito Santo. 21 Ella partorirà un figlio, e tu gli porrai nome Gesù, perché è lui che salverà il suo popolo dai loro peccati».
22 Tutto ciò avvenne, affinché si adempisse quello che era stato detto dal Signore per mezzo del profeta:
23 «La vergine sarà incinta e partorirà un figlio,
al quale sarà posto nome Emmanuele
»,
che tradotto vuol dire: «Dio con noi».

Matteo 2:1-2

Arrivo dei magi
=Lu 2:22-38 (Nu 24:17; Sl 72:10-11)
1 Gesù era nato in Betlemme di Giudea, all’epoca del re Erode. Dei magi d’Oriente arrivarono a Gerusalemme, dicendo: 2 «Dov’è il re dei Giudei che è nato? Poiché noi abbiamo visto la sua stella in Oriente e siamo venuti per adorarlo».

Matteo 2:5-6

5 Essi gli dissero: «In Betlemme di Giudea; poiché così è stato scritto per mezzo del profeta:
6E tu, Betlemme, terra di Giuda,
non sei affatto la minima fra le città principali di Giuda;
perché da te uscirà un principe, che pascerà il mio popolo Israele
“».



Stasera vigilia della celebrazione del tuo Natale vorrei affidarti chiunque abbia confidato in te affinchè diano testimonianza efficace della tua Buona Novella nella ricorrenza della tua incarnazione.

-tuo Roberto-

Venerdì 25 Dicembre 1992

Isaia 9:5-6

5 Poiché un bambino ci è nato, un figlio ci è stato dato,
e il dominio riposerà sulle sue spalle;
sarà chiamato Consigliere ammirabile, Dio potente,
Padre eterno, Principe della pace,
6 per dare incremento all’impero
e una pace senza fine al trono di Davide e al suo regno,
per stabilirlo fermamente e sostenerlo
mediante il diritto e la giustizia,
da ora e per sempre:
questo farà lo zelo del SIGNORE degli eserciti.



Gesù mio oggi giorno della celebrazione del Natale ti chiedo di aiutarmi e aiutarci tutti a superare questo momento di crisi e a vincere tutti i mali fisici e morali,dandoci una fede incrollabile e una forza spirituale immensa dataci nel tuo grande amore dal tuo Spirito Santo per essere vincitori in questa terra confidando nel tuo Santo Nome (Emanuele=Dio con Noi) chè è la Via,la Verità e la Vita

-tuo Roberto-

Sabato 26 Dicembre 1992

Salmo 131

Pace in Dio
Mt 11:29; Ro 12:3, 16; 1P 5:5-6; Fl 2:1-11
1 Canto dei pellegrinaggi.
Di Davide
.
SIGNORE, il mio cuore non è orgoglioso
e i miei occhi non sono altèri;
non aspiro a cose troppo grandi e troppo alte per me.
2 In verità l’anima mia è calma e tranquilla.
Come un bimbo divezzato sul seno di sua madre,
così è tranquilla in me l’anima mia.
3 O Israele, spera nel SIGNORE,
ora e per sempre.



Signore mio aspetto con ansia un po’ di pace e di tranquillità,un lavoro giusto e il ritorno accanto a me con tutta se stessa del mio amore Tina. Fammi crescere nella fede in te e nella vita di tutti i giorni,perchè possa tornare tutto come agli inizi dato che l’attesa è lunga e alienante;ti prego fa’ arrivare al più presto quel giorno Gesù mio,te lo chiedo dal più profondo del cuore

-tuo Roberto-

Domenica 27 Dicembre 1992

Culto Domenicale Chiesa Cristiana Evangelica di Forlì,messaggio di Jim Haglund su “Proponimenti in Dio per l’anno nuovo”

Isaia 26:3-4

3 A colui che è fermo nei suoi sentimenti
tu conservi la pace, la pace,
perché in te confida.
4 Confidate per sempre nel SIGNORE,
perché il SIGNORE, sì il SIGNORE, è la roccia dei secoli.

Salmo 119:97

 

(MEM)
Oh, quanto amo la tua legge!
È la mia meditazione di tutto il giorno.

Salmo 119:111-112

111 Le tue testimonianze sono la mia eredità per sempre,
esse sono la gioia del mio cuore.
112 Ho messo il mio impegno a praticare i tuoi statuti,
sempre, sino alla fine.

Salmo 119:140

La tua parola è pura d’ogni scoria;
perciò il tuo servo l’ama.



Signore mio oggi ti prego per tutte le persone afflitte e tristi in quest’anno perchè tu porti nella loro vita Pace,Amore,Fede in te,Salute affinchè il prossimo anno sarà l’anno della loro salvezza,te lo chiedo col cuore

-tuo Roberto

Lunedì 28 Dicembre 1992

2Corinzi 2:14-17

 

Vittoria in Cristo
Ro 15:17-19 (1Co 1:17-24; 2Co 4:1-7)
14 Ma grazie siano rese a Dio che sempre ci fa trionfare in Cristo e che per mezzo nostro spande dappertutto il profumo della sua conoscenza. 15 Noi siamo infatti davanti a Dio il profumo di Cristo fra quelli che sono sulla via della salvezza e fra quelli che sono sulla via della perdizione; 16 per questi, un odore di morte, che conduce a morte; per quelli, un odore di vita, che conduce a vita. E chi è sufficiente a queste cose? 17 Noi non siamo infatti come quei molti che falsificano la parola di Dio; ma parliamo mossi da sincerità, da parte di Dio, in presenza di Dio, in Cristo.



Signore mio in questo momento tu sei la sola certezza della mia vita,perchè il mio futuro mondano è tutto un incognita,nessuna sicurezza,per questo ora nella vicinanza dell’anno nuovo ti prego ancora per un lavoro giusto e sicuro,per una casa sufficente alle nostre esigenze e infine ti supplico per un ritorno definitivo di Tina accanto a me sia fisicamente che affettivamente in modi che ritorni l’armonia familiare.Confidando di rimanere fedele alla tua Parola ti ha pregato nel nome di tuo figlio Cristo Gesù il

-tuo Roberto-

Martedì 29 Dicembre 1992

Atti 17:22-31

22 E Paolo, stando in piedi in mezzo all’Areòpago, disse:
«Ateniesi, vedo che sotto ogni aspetto siete estremamente religiosi. 23 Poiché, passando, e osservando gli oggetti del vostro culto, ho trovato anche un altare sul quale era scritto: Al dio sconosciuto. Orbene, ciò che voi adorate senza conoscerlo, io ve lo annunzio. 24 Il Dio che ha fatto il mondo e tutte le cose che sono in esso, essendo Signore del cielo e della terra, non abita in templi costruiti da mani d’uomo; 25 e non è servito dalle mani dell’uomo, come se avesse bisogno di qualcosa; lui, che dà a tutti la vita, il respiro e ogni cosa. 26 Egli ha tratto da uno solo tutte le nazioni degli uomini perché abitino su tutta la faccia della terra, avendo determinato le epoche loro assegnate, e i confini della loro abitazione, 27 affinché cerchino Dio, se mai giungano a trovarlo, come a tastoni, benché egli non sia lontano da ciascuno di noi. 28 Difatti, in lui viviamo, ci moviamo, e siamo, come anche alcuni vostri poeti hanno detto: “Poiché siamo anche sua discendenza”. 29 Essendo dunque discendenza di Dio, non dobbiamo credere che la divinità sia simile a oro, ad argento, o a pietra scolpita dall’arte e dall’immaginazione umana. 30 Dio dunque, passando sopra i tempi dell’ignoranza, ora comanda agli uomini che tutti, in ogni luogo, si ravvedano, 31 perché ha fissato un giorno, nel quale giudicherà il mondo con giustizia per mezzo dell’uomo ch’egli ha stabilito, e ne ha dato sicura prova a tutti, risuscitandolo dai morti».



Stasera Gesù mio la mia preghiera è rivolta come peccatore graziato alla richiesta di perdono di tutti i miei sbagli grandi e piccoli sia contro gli uomini che contro te Signore mio,fa’ che come spero ci sia una mia crescita spirituale nel mio cammino cristiano in modo che venga manifestato dalla mia testimonianza della fede nella pratica di vita in opere buone che sostituiscano quelle malvage.

-tuo Roberto-

Mercoledì 30 Dicembre 1992

Salmo 143

Preghiera di liberazione
2S 15:25-31; Sl 142; 25
1 Salmo di Davide.
SIGNORE, ascolta la mia preghiera, porgi orecchio alle mie suppliche;
nella tua fedeltà e nella tua giustizia,
rispondimi,
2 e non chiamare in giudizio il tuo servo,
perché nessun vivente sarà trovato giusto davanti a te.
3 Poiché il nemico perseguita l’anima mia;
egli calpesta al suolo la mia vita;
mi fa abitare in luoghi tenebrosi
come coloro che son morti già da lungo tempo.
4 Il mio spirito è abbattuto in me,
il mio cuore è tutto smarrito dentro di me.
5 Ricordo i giorni antichi;
medito su tutte le tue azioni;
rifletto sull’opera delle tue mani.
6 Tendo le mani verso di te;
l’anima mia, come arida terra,
è assetata di te. [Pausa]
7 Affrèttati a rispondermi, SIGNORE;
lo spirito mio viene meno;
non nascondermi il tuo volto,
perché io non diventi simile a quelli che scendono nella tomba.
8 Al mattino fammi udire la tua bontà,
perché in te confido;
fammi conoscere la via da seguire,
poiché io elevo l’anima mia a te.
9 Liberami dai miei nemici, SIGNORE;
io cerco rifugio in te.
10 Insegnami a far la tua volontà,
poiché tu sei il mio Dio,
il tuo Spirito benevolo mi guidi in terra piana.
11 SIGNORE, fammi vivere per amor del tuo nome;
nella tua giustizia libera l’anima mia dalla tribolazione!
12 Nella tua bontà distruggi i miei nemici,
fa’ perire tutti quelli che opprimono l’anima mia,
perché io sono tuo servo.



Signore mio siamo a fine anno ormai, quindi la mia preghiera odierna è rivolta a te perchè il prossimo anno nel mondo sia propizio a tutte le persone di Buona Volontà e ai tuoi consapevoli servi perchè con la fede e la testimonianza possono conquistare nuove anime alla salvezza eterna;e io sia fra questi testimoni con la mia famiglia,grazie anticipato dal

-tuo Roberto-

Giovedì 31 Dicembre 1992

Oggi ultimo giorno dell’anno vorrei pregare per me,la mia comunità e tutti i miei famigliari di sangue e acquisiti,perchè il prossimo anno sia proficuo in quanto a: salute,lavoro,amore,casa,morale,qualità della vita e fede. Ti prego aiutaci Signore mio perchè il 1993 sia migliore che il 1992 per tutti.Ringraziandoti e lodandoti per la tua fedeltà ti ha pregato nel nome di tuo figlio Cristo Gesù il

-tuo Roberto Barnabè-

Luca 24:44-53

 

La missione affidata ai discepoli
At 1:8
44 Poi disse loro: «Queste sono le cose che io vi dicevo quand’ero ancora con voi: che si dovevano compiere tutte le cose scritte di me nella legge di Mosè, nei profeti e nei Salmi». 45 Allora aprì loro la mente per capire le Scritture e disse loro: 46 «Così è scritto, che il Cristo avrebbe sofferto e sarebbe risorto dai morti il terzo giorno, 47 e che nel suo nome si sarebbe predicato il ravvedimento per il perdono dei peccati a tutte le genti, cominciando da Gerusalemme. 48 Voi siete testimoni di queste cose. 49 Ed ecco io mando su di voi quello che il Padre mio ha promesso; ma voi, rimanete in questa città, finché siate rivestiti di potenza dall’alto».

L’ascensione di Gesù
(Mr 16:19-20; At 1:4-12)(Ef 1:19-23; Eb 9:11-12, 24; 10:12-13)
50 Poi li condusse fuori fin presso Betania; e, alzate in alto le mani, li benedisse. 51 Mentre li benediceva, si staccò da loro e fu portato su nel cielo. 52 Ed essi, adoratolo, tornarono a Gerusalemme con grande gioia; 53 e stavano sempre nel tempio, benedicendo Dio.



Fine del Diario “io e Dio” anno 1992 di Barnabè Roberto

ioeDio

13-31 Dicembre 1992ultima modifica: 2008-04-01T13:10:00+00:00da barnabamadavide
Reposta per primo quest’articolo