6 Settembre-26 Settembre 1992

Domenica 6 Settembre 1992
Culto Chiesa Cristiana Evangelica di Forlì con messaggio di Steve Thompson su

Deuteronomio 7:1-6

Ordine di distruggere i Cananei e i loro idoli
(Es 34:11-17; Sl 106:34, ecc.) 1Gv 5:21
1 Quando il SIGNORE, il tuo Dio, ti avrà introdotto nel paese che vai a prendere in possesso, e avrai scacciato molti popoli: gli Ittiti, i Ghirgasei, gli Amorei, i Cananei, i Ferezei, gli Ivvei e i Gebusei, sette popoli più grandi e più potenti di te; 2 quando il SIGNORE, il tuo Dio, li avrà dati in tuo potere e tu li avrai sconfitti, tu li voterai allo sterminio; non farai alleanza con loro e non farai loro grazia. 3 Non t’imparenterai con loro, non darai le tue figlie ai loro figli e non prenderai le loro figlie per i tuoi figli, 4 perché distoglierebbero da me i tuoi figli che servirebbero dèi stranieri e l’ira del SIGNORE si accenderebbe contro di voi. Egli ben presto vi distruggerebbe. 5 Invece farete loro così: demolirete i loro altari, spezzerete le loro statue, abbatterete i loro idoli d’Astarte e darete alle fiamme le loro immagini scolpite.

(Es 19:5-6; 1P 2:9; Tt 2:14)(De 9:4-6; Gs 23:14-16)
6 Infatti tu sei un popolo consacrato al SIGNORE tuo Dio. Il SIGNORE, il tuo Dio, ti ha scelto per essere il suo tesoro particolare fra tutti i popoli che sono sulla faccia della terra.

 Signore mio aspetto con impazienza ciò che deciderai per il mio prossimo futuro,perchè fiducioso che quello che avverrà secondo la tua volontà sarà la cosa giusta

—tuo Roberto—

Lunedì 7 Settembre 1992

Efesini 5:22-33

Mogli e mariti
Cl 3:18-19; 1P 3:1-7; Ge 2:21-24
22 Mogli, siate sottomesse ai vostri mariti, come al Signore; 23 il marito infatti è capo della moglie, come anche Cristo è capo della chiesa, lui, che è il Salvatore del corpo. 24 Ora come la chiesa è sottomessa a Cristo, così anche le mogli devono essere sottomesse ai loro mariti in ogni cosa.
25 Mariti, amate le vostre mogli, come anche Cristo ha amato la chiesa e ha dato sé stesso per lei, 26 per santificarla dopo averla purificata lavandola con l’acqua della parola, 27 per farla comparire davanti a sé, gloriosa, senza macchia, senza ruga o altri simili difetti, ma santa e irreprensibile. 28 Allo stesso modo anche i mariti devono amare le loro mogli, come la loro propria persona. Chi ama sua moglie ama sé stesso. 29 Infatti nessuno odia la propria persona, anzi la nutre e la cura teneramente, come anche Cristo fa per la chiesa, 30 poiché siamo membra del suo corpo. 31 Perciò l’uomo lascerà suo padre e sua madre e si unirà a sua moglie e i due diverranno una carne sola. 32 Questo mistero è grande; dico questo riguardo a Cristo e alla chiesa. 33 Ma d’altronde, anche fra di voi, ciascuno individualmente ami sua moglie, come ama sé stesso; e altresì la moglie rispetti il marito.

Signore tuo tramite dammi la luce ,perchè alle difficoltà di questo periodo trovi il giusto rimedio così che entri la Pace e l’armonia in questa mia famiglia,aiutando anche Tina a fare le scelte giuste .Con fede aspetto

—tuo Roberto—

Martedì 8 Settembre 1992

Signore Gesù mio,solo tu sai con quanta intensità ho cercato il lavoro,ma se non sono conforme come mi vuole il mondo non ne ho colpa,perchè non riesco a fingermi diverso da quello che sono;ma so’ che farai ciò che è giusto,quindi attendo fiducioso

 

—tuo Roberto—

Salmo 15

Ritratto del giusto
(Sl 24; 34:11-14) Ez 18:5-9; Is 33:14, ecc.; (1Gv 2:6; 3:24)
1 Salmo di Davide.
O SIGNORE, chi dimorerà nella tua tenda?
Chi abiterà sul tuo santo monte?
2 Colui che è puro e agisce con giustizia,
e dice la verità come l’ha nel cuore;
3 che non calunnia con la sua lingua,
né fa male alcuno al suo vicino,
né insulta il suo prossimo.
4 Agli occhi suoi è spregevole il malvagio,
ma egli onora quelli che temono il SIGNORE.
Se anche ha giurato a suo danno,
non cambia;
5 non dà il suo denaro a usura,
né accetta regali a danno dell’innocente.
Chi agisce così non sarà mai smosso.

Mercoledì 9 Settembre 1992

 

 

Proverbi 16:1-9

1 All’uomo spettano i disegni del cuore;
ma la risposta della lingua viene dal SIGNORE.
2 Tutte le vie dell’uomo a lui sembrano pure,
ma il SIGNORE pesa gli spiriti.
3 Affida al SIGNORE le tue opere,
e i tuoi progetti avranno successo.
4 Il SIGNORE ha fatto ogni cosa per uno scopo;
anche l’empio, per il giorno della sventura.
5 Chi ha un cuore superbo è in abominio al SIGNORE;
certo è che non rimarrà impunito.
6 Con la bontà e con la fedeltà l’iniquità si espia,
e con il timore del SIGNORE si evita il male.
7 Quando il SIGNORE gradisce le vie di un uomo,
riconcilia con lui anche i suoi nemici.
8 Meglio poco con giustizia,
che grandi entrate senza equità.
9 Il cuore dell’uomo medita la sua via,
ma il SIGNORE dirige i suoi passi.
Signore mio fa’ che mantenga la calma nonostante le pressioni esterne che mi affrettano le scelte,perchè voglio che il lavoro che dovrò fare sia davvero quello che hai deciso per il mio meglio;essendo fiducioso che accoglierai le mie ripetute preghiere.Aiutami Signore, ti prego dammi saggezza,
—tuo Roberto—
Giovedì 10 Settembre 1992
 
 

1Corinzi 9:24-27

Norme che regolano la corsa cristiana
2Ti 2:3-6; 4:5-8; Fl 3:10-14; Ro 8:13
24 Non sapete che coloro i quali corrono nello stadio, corrono tutti, ma uno solo ottiene il premio? Correte in modo da riportarlo. 25 Chiunque fa l’atleta è temperato in ogni cosa; e quelli lo fanno per ricevere una corona corruttibile; ma noi, per una incorruttibile. 26 Io quindi corro così; non in modo incerto; lotto al pugilato, ma non come chi batte l’aria; 27 anzi, tratto duramente il mio corpo e lo riduco in schiavitù, perché non avvenga che, dopo aver predicato agli altri, io stesso sia squalificato.

 Dio mio ho tanta paura perchè il lavoro non è ancora arrivato e chi mi è vicino non capisce i miei sforzi per trovare il giusto impiego;quindi mio Signore spero con il tuo aiuto che al più presto ciò avvenga,affinchè Tina ricominci ad avere fiducia in me;perchè solo tu sai che le mie intenzioni sono sincere perchè se lavorassi sarei più sereno e più amato
 
—tuo Roberto—-
Venerdì 11 Settembre 1992
Signore mio ti chiedo una cosa sola ma importantissima,ti prego dammi la capacità e la forza che il mio grande amore per Tina venga ricambiato,perchè mi manca troppo il suo calore umano e fisico;fa’ che ritorni da me il più presto,ti prego con tutto il cuore aiutami e aiutala affinchè tramite te l’amore trionfi contro l’orgoglio umano-
—tuo Roberto—
 
 

Cantico 8:4-7

4 Figlie di Gerusalemme, io vi scongiuro,
non svegliate, non svegliate l’amor mio,
finché lei non lo desideri!

(Es 28:29-30; Ro 8:35-39) 1Co 13:8
5 Chi è colei che sale dal deserto
appoggiata all’amico suo?
Io ti ho svegliata sotto il melo,
dove tua madre ti ha partorito,
dove quella che ti ha partorito si è sgravata di te.
6 Mettimi come un sigillo sul tuo cuore,
come un sigillo sul tuo braccio;
perché l’amore è forte come la morte,
la gelosia è dura come il soggiorno dei morti.
I suoi ardori sono ardori di fuoco,
fiamma potente.
7 Le grandi acque non potrebbero spegnere l’amore,
i fiumi non potrebbero sommergerlo.
Se uno desse tutti i beni di casa sua in cambio dell’amore,
sarebbe del tutto disprezzato.
Sabato 12 Settembre 1992
 
 

1Timoteo 6:1-2

Ef 6:5-8; Tt 2:9-10; 1P 2:18-20
1 Tutti quelli che sono sotto il giogo della schiavitù, stimino i loro padroni degni di ogni onore, perché il nome di Dio e la dottrina non vengano bestemmiati. 2 Quelli che hanno padroni credenti, non li disprezzino perché sono fratelli, ma li servano con maggiore impegno, perché quelli che beneficiano del loro servizio sono fedeli e amati. Insegna queste cose e raccomandale.
Dio mio ti prego,ti imploro con tutto me stesso di avere di nuovo Tina vicino a me sia fisicamente che spiritualmente,perchè questa lontananza mi sta ferendo a morte
—tuo Roberto—
Domenica 13 Settembre 1992
Culto Chiesa Evangelica di Forlì con messaggio di Steve Thompson su
 
 

 

Giosuè 10:12-15

(Ac 3:11; Mr 11:22-24)(Is 40:26-28; Lu 1:37) Gb 9:7, 10; Ro 8:31
12 Allora Giosuè parlò al SIGNORE, il giorno che il SIGNORE diede gli Amorei in mano ai figli d’Israele, e disse in presenza d’Israele:
«Sole, fermati su Gabaon,
e tu, luna, sulla valle d’Aialon!»
13 E il sole si fermò, e la luna rimase al suo posto,
finché la nazione si fu vendicata dei suoi nemici.
Questo non sta forse scritto nel libro del Giusto?
E il sole si fermò in mezzo al cielo
e non si affrettò a tramontare per quasi un giorno intero.
14 E mai, né prima né poi c’è stato un giorno simile a quello, nel quale il SIGNORE abbia esaudito la voce di un uomo; perché il SIGNORE combatteva per Israele. 15 Poi Giosuè, con tutto Israele, tornò all’accampamento di Ghilgal.
Signore mio come è scritto tu sai ciò di cui abbiamo bisogno,quindi esaudiscimi al più presto delle mie necessità perchè possa servirti al meglio
—tuo Roberto—
 Lunedì 14 Settembre 1992

Giovanni 7:37-39

Fiumi d’acqua viva
Gv 4:10-14; Ap 22:17; Is 55:1-3; Gl 2:28-29; At 2:2-4
37 Nell’ultimo giorno, il giorno più solenne della festa, Gesù stando in piedi esclamò: «Se qualcuno ha sete, venga a me e beva. 38 Chi crede in me, come ha detto la Scrittura, fiumi d’acqua viva sgorgheranno dal suo seno». 39 Disse questo dello Spirito, che dovevano ricevere quelli che avrebbero creduto in lui; lo Spirito, infatti, non era ancora stato dato, perché Gesù non era ancora glorificato.
Signore mio spero che l’acqua viva dello Spirito Santo porti i suoi frutti,cosicchè aspetto fiducioso visto il brutto periodo di vita terrena perchè ritorni la serenità
—tuo Roberto—
Martedì  15 Settembre 1992

Salmo 141

Preghiera per essere liberati dagli uomini violenti
1S 25 (Sl 142; 143; 28)
1 Salmo di Davide.
SIGNORE, io t’invoco; affrèttati a rispondermi.
Porgi orecchio alla mia voce quando grido a te.
2 La mia preghiera sia in tua presenza come l’incenso,
l’elevazione delle mie mani come il sacrificio della sera.
3 SIGNORE, poni una guardia davanti alla mia bocca,
sorveglia l’uscio delle mie labbra.
4 Non inclinare il mio cuore ad alcuna cosa malvagia,
per commettere azioni malvagie con i malfattori;
e fa’ che io non mangi delle loro delizie.
5 Mi percuota pure il giusto; sarà un favore;
mi riprenda pure; sarà come olio sul capo;
il mio capo non lo rifiuterà.
Io continuo a pregare mentre fanno il male.
6 I loro giudici saranno precipitati per il fianco delle rocce
e si darà ascolto alle mie parole, perché sono piacevoli.
7 Come quando si ara e si rompe la terra,
le nostre ossa sono sparse all’ingresso del soggiorno dei morti.
8 A te sono rivolti i miei occhi, o Dio, Signore;
in te mi rifugio,
non abbandonare l’anima mia.
9 Salvami dal laccio che mi hanno teso
e dalle insidie dei malfattori.
10 Cadano gli empi nelle loro proprie reti,
mentre io passerò oltre.

 Signore questo salmo di Davide oggi sarà la mia preghiera,quindi ascoltala perchè ho bisogno che ritorni la Pace nella mia vita e anche l’amore perchè ora mi sento come uomo terreno in un abisso.AIUTO
—da Roberto—
Giovedì 17 Settembre 1992
 

Galati 6:1-11

La vita nuova in Cristo
1Te 5:14; Ro 12:3, 16; 15:1-2; 14:10-12
1 Fratelli, se uno viene sorpreso in colpa, voi, che siete spirituali, rialzatelo con spirito di mansuetudine. Bada bene a te stesso, che anche tu non sia tentato. 2 Portate i pesi gli uni degli altri e adempirete così la legge di Cristo. 3 Infatti se uno pensa di essere qualcosa pur non essendo nulla, inganna sé stesso. 4 Ciascuno esamini invece l’opera propria; così avrà modo di vantarsi in rapporto a sé stesso e non perché si paragona agli altri. 5 Ciascuno infatti porterà il proprio fardello.

(Os 10:12-13; Ro 2:3-11; 8:13)(Lu 6:30-36; 2Co 9:6, ecc.; Eb 6:10-12)
6 Chi viene istruito nella parola faccia parte di tutti i suoi beni a chi lo istruisce.
7 Non vi ingannate; non ci si può beffare di Dio; perché quello che l’uomo avrà seminato, quello pure mieterà. 8 Perché chi semina per la sua carne, mieterà corruzione dalla carne; ma chi semina per lo Spirito mieterà dallo Spirito vita eterna. 9 Non ci scoraggiamo di fare il bene; perché, se non ci stanchiamo, mieteremo a suo tempo. 10 Così dunque, finché ne abbiamo l’opportunità, facciamo del bene a tutti; ma specialmente ai fratelli in fede.

Fl 3:2-11; Ga 5:5-10
11 Guardate con che grossi caratteri vi ho scritto di mia propria mano!
Signore mio fa’ che arrivi al più presto il giorno in cui trovi il giusto lavoro e in cui ritorni l’armonia e la felicità nella mia famiglia,mediante una maggiore conoscenza da parte di ciascuno della tua parola.Signore adesso aiuta noi,così nel futuro possiamo essere noi i testimoni e i portatori della tua legge e così ricambiare parte di ciò che ci dai, al servizio degli altri per portare nuovi credenti  alla salvezza mediante la fede in te,mio Immenso,Misericordioso,Signore Iddio
—dal tuo figliolo Roberto—
Venerdì 18 Settembre 1992
Signore mio hai aperto uno spiraglio nella mia vita terrena,spero che questo sia il preludio  della luce che porterai nel prossimo futuro
—tuo Roberto—
 

Matteo 7:12-14

La regola per eccellenza; le due vie
(Lu 6:31; cfr. Ef 4:32)(cfr. Sl 1) =Lu 13:23-25
12 «Tutte le cose dunque che voi volete che gli uomini vi facciano, fatele anche voi a loro; perché questa è la legge e i profeti.
13 Entrate per la porta stretta, poiché larga è la porta e spaziosa la via che conduce alla perdizione, e molti sono quelli che entrano per essa. 14 Stretta invece è la porta e angusta la via che conduce alla vita, e pochi sono quelli che la trovano.
Sabato 19 settembre 1992

Luca 24:44-49

La missione affidata ai discepoli
At 1:8
44 Poi disse loro: «Queste sono le cose che io vi dicevo quand’ero ancora con voi: che si dovevano compiere tutte le cose scritte di me nella legge di Mosè, nei profeti e nei Salmi». 45 Allora aprì loro la mente per capire le Scritture e disse loro: 46 «Così è scritto, che il Cristo avrebbe sofferto e sarebbe risorto dai morti il terzo giorno, 47 e che nel suo nome si sarebbe predicato il ravvedimento per il perdono dei peccati a tutte le genti, cominciando da Gerusalemme. 48 Voi siete testimoni di queste cose. 49 Ed ecco io mando su di voi quello che il Padre mio ha promesso; ma voi, rimanete in questa città, finché siate rivestiti di potenza dall’alto».
Aiutami Dio mio,aiutami come ti sembra più giusto,ma fammi rialzare per combattere in questa vita nel tuo nome
—tuo Roberto—
Domenica 20 Settembre 1992
Culto Chiesa Evangelica di Forlì condotto da Ivan Trianni con messaggio di Steve Thompson su
 
 

Giosuè 14:6-9

Il territorio di Ebron assegnato a Caleb
(Nu 13; 14)(Eb 6:12; 11:33)(Pr 4:18; Sl 118:17)
6 I figli di Giuda si avvicinarono a Giosuè a Ghilgal; e Caleb, figlio di Gefunne, il Chenizeo, gli disse: «Tu sai quel che il SIGNORE disse a Mosè, uomo di Dio, riguardo a me e a te a Cades-Barnea. 7 Io avevo quarant’anni quando Mosè, servo del SIGNORE, mi mandò da Cades-Barnea a esplorare il paese e io gli feci la mia relazione con sincerità di cuore. 8 I miei fratelli, che erano saliti con me, scoraggiarono il popolo, ma io seguii pienamente il SIGNORE, il mio Dio. 9 In quel giorno Mosè fece questo giuramento: “La terra che il tuo piede ha calcata sarà eredità tua e dei tuoi figli per sempre, perché hai pienamente seguito il SIGNORE, il mio Dio”.

Dio mio perdona la Tina,ma aiutami a vincere la battaglia contro il principe di questo mondo,ti prego fammi essere al più presto vincitore perchè adesso sono debole in fede,un novizio,aiutami mio Signore

—tuo Roberto—

Lunedì 21 Settembre 1992

 

 

 

 

 

 

 

 

1Pietro 3:8-17

(Ro 12:14-21; Sl 34:12-17)(Mt 10:24-31; 1P 2:12, 19-20)
8 Infine, siate tutti concordi, compassionevoli, pieni di amore fraterno, misericordiosi e umili; 9 non rendete male per male, od oltraggio per oltraggio, ma, al contrario, benedite; poiché a questo siete stati chiamati affinché ereditiate la benedizione.
10 Infatti:
«Chi vuole amare la vita
e vedere giorni felici,
trattenga la sua lingua dal male
e le sue labbra dal dire il falso;
11 fugga il male e faccia il bene;
cerchi la pace e la persegua;
12 perché gli occhi del Signore sono sui giusti
e i suoi orecchi sono attenti alle loro preghiere;
ma la faccia del Signore è contro quelli che fanno il male».
13 Chi vi farà del male, se siete zelanti nel bene? 14 Se poi doveste soffrire per la giustizia, beati voi!
Non vi sgomenti la paura che incutono e non vi agitate; 15 ma glorificate il Cristo come Signore nei vostri cuori.
Siate sempre pronti a render conto della speranza che è in voi a tutti quelli che vi chiedono spiegazioni. 16 Ma fatelo con mansuetudine e rispetto, e avendo la coscienza pulita; affinché quando sparlano di voi, rimangano svergognati quelli che calunniano la vostra buona condotta in Cristo. 17 Infatti è meglio che soffriate per aver fatto il bene, se tale è la volontà di Dio, che per aver fatto il male.
Signore ho tanto bisogno che in famiglia torni:il lavoro, l’affetto,l’amore fraterno e quello fisico come è giusto fra moglie e marito,armonia,rispetto vicendevole dei sentimenti e una più profonda e sincera fede in te Dio mio da parte di tutti.esaudiscimi ti prego Signore
—tuo Roberto—-
Giovedì 24 Settembre 1992
 

 Signore ti chiedo ancora fa’ ritornare la serenità al più presto in famiglia,perchè la Tina ora è troppo debole per sopportare tutte queste prove,quindi ti supplico ciò dal più profondo,perchè se perdessi la Tina diverrei troppo vulnerabile e fallibile al male non essendo ancora forte di una corazza senza crepe,essendo ancora troppo giovane nella fede,aiuto Dio mio

 

—tuo Roberto—

 

 

Matteo 7:1-6

Non giudicare gli altri
=Lu 6:37-38, 41-42
1 «Non giudicate, affinché non siate giudicati; 2 perché con il giudizio con il quale giudicate, sarete giudicati; e con la misura con la quale misurate, sarà misurato a voi. 3 Perché guardi la pagliuzza che è nell’occhio di tuo fratello, mentre non scorgi la trave che è nell’occhio tuo? 4 O, come potrai tu dire a tuo fratello: “Lascia che io ti tolga dall’occhio la pagliuzza”, mentre la trave è nell’occhio tuo? 5 Ipocrita, togli prima dal tuo occhio la trave, e allora ci vedrai bene per trarre la pagliuzza dall’occhio di tuo fratello.
6 Non date ciò che è santo ai cani e non gettate le vostre perle davanti ai porci, perché non le pestino con le zampe e rivolti contro di voi non vi sbranino.

 

 

Venerdì 25 Settembre 1992

Salmo 131

Pace in Dio
Mt 11:29; Ro 12:3, 16; 1P 5:5-6; Fl 2:1-11
1 Canto dei pellegrinaggi.
Di Davide
.
SIGNORE, il mio cuore non è orgoglioso
e i miei occhi non sono altèri;
non aspiro a cose troppo grandi e troppo alte per me.
2 In verità l’anima mia è calma e tranquilla.
Come un bimbo divezzato sul seno di sua madre,
così è tranquilla in me l’anima mia.
3 O Israele, spera nel SIGNORE,
ora e per sempre.

  Illuminani della tua luce da Signore perchè le scelte dei prossimi giorni siano quelle giuste e definitive per un futuro più tranquillo pieno di amore umano e divino,per essere un tuo giusto testimone e ambasciatore in questa terra di peccato assieme a Tina e tutti quei fratelli  e amici avvicinati tramite la tua parola.in fede
tuo Roberto
———————
Sabato 26 Settembre 1992

Luca 18:18-30

Il giovane ricco
=(Mt 19:16-30; Mr 10:17-31) Mt 5:29-30; Lu 10:25-37
18 Uno dei capi lo interrogò, dicendo: «Maestro buono, che devo fare per ereditar la vita eterna?» 19 Gesù gli disse: «Perché mi chiami buono? Nessuno è buono, tranne uno solo, cioè Dio. 20 Tu conosci i comandamenti: Non commettere adulterio; non uccidere; non rubare; non dir falsa testimonianza; onora tuo padre e tua madre». 21 Ed egli rispose: «Tutte queste cose io le ho osservate fin dalla mia gioventù». 22 Gesù, udito questo, gli disse: «Una cosa ti manca ancora: vendi tutto quello che hai, e distribuiscilo ai poveri, e avrai un tesoro nel cielo; poi vieni e seguimi». 23 Ma egli, udite queste cose, ne fu afflitto, perché era molto ricco. 24 Gesù, vedendolo [così triste,] disse: «Quanto è difficile, per quelli che hanno delle ricchezze, entrare nel regno di Dio! 25 Perché è più facile per un cammello passare attraverso la cruna di un ago, che per un ricco entrare nel regno di Dio». 26 Quelli che udirono dissero: «Chi dunque può essere salvato?» 27 Egli rispose: «Le cose impossibili agli uomini sono possibili a Dio».
28 Pietro disse: «Ecco, noi abbiamo lasciato le nostre cose e ti abbiamo seguito». 29 Ed egli disse loro: «Vi dico in verità che non c’è nessuno che abbia lasciato casa, o moglie, o fratelli, o genitori, o figli per amor del regno di Dio, 30 il quale non ne riceva molte volte tanto in questo tempo, e nell’età futura la vita eterna».
Dio mio fa’ che la comunione con gli altri credenti come fatto oggi con Jim mi aiuti nella mia crescita spirituale in modo che superi tutte le difficoltà della vita terrena senza  uscire dalla via stretta che porta a te Signore mio.Ti ringrazio con tutto il cuore dell’opportunità che mi hai dato di essere salvato mediante la conoscenza della tua parola.
 —tuo Roberto—
6 Settembre-26 Settembre 1992ultima modifica: 2008-01-24T13:15:00+00:00da barnabamadavide
Reposta per primo quest’articolo